ESAME DI STATO ANNO SCOLASTICO 2021-22

  • Riunione preliminare della commissione: lunedì 20 giugno 2021
  •  
  • La sessione d’Esame avrà inizio il 22 giugno 2022 alle 8.30, con la prima prova scritta di italiano, che sarà predisposta su base nazionale. La prova proporrà sette tracce con tre diverse tipologie: analisi e interpretazione del testo letterario, analisi e produzione di un testo argomentativo, riflessione critica di carattere espositivo-argomentativo su tematiche di attualità. 
  •  
  • Il 23 giugno si proseguirà con la seconda prova scritta, diversa per ciascun indirizzo, che avrà per oggetto una sola disciplina tra quelle caratterizzanti il percorso di studi. Le discipline saranno comunicate al termine dell’iter formale delle Ordinanze. La seconda prova sarà predisposta dalle singole commissioni d’Esame, per consentire una maggiore aderenza a quanto effettivamente svolto dalla classe e tenendo conto del percorso svolto dagli studenti in questi anni caratterizzati dalla pandemia.  
  •  

È previsto, poi, il colloquio, che si aprirà con l’analisi di un materiale scelto dalla commissione (un testo, un documento, un problema, un progetto) che sarà sottoposto al candidato. Nel corso del colloquio il candidato dovrà dimostrare di aver acquisito i contenuti e i metodi propri delle singole discipline e di aver maturato le competenze di Educazione civica; analizzerà poi, con una breve relazione o un lavoro multimediale, le esperienze fatte nell’ambito dei Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento. La commissione sarà composta da sei commissari interni e un Presidente esterno.   

La valutazione finale resta in centesimi. Al credito scolastico sarà attribuito fino a un massimo di 50 punti. Per quanto riguarda le prove scritte, a quella di Italiano saranno attribuiti fino a 15 punti, alla seconda prova fino a 10, al colloquio fino a 25. Si potrà ottenere la lode.
La partecipazione alle prove nazionali Invalsi, che pure saranno svolte, e lo svolgimento dei Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento non costituiranno requisito di accesso alle prove.  
Per il colloquio, è prevista la possibilità della videoconferenza per i candidati impossibilitati a lasciare il proprio domicilio, condizione che andrà, comunque, documentata. 

Elenco Calcolatrici Elettroniche ammesse all’esame di Stato –  a.s.  2021/22
Integrazione dell’elenco delle calcolatrici elettroniche ammesse all’uso nelle prove scritte dell’esame di Stato – a.s. 2021/202

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Esame di Stato A.S 2021/22

 

DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO A.S. 2021 -2022
Il documento comprende Allegato A: consuntivi disciplinari e Allegato B: simulazioni

Classe 5SA con allegato A e allegato B – Manutenzione e Assistenza Tecnica
Classe 5TG/TL con allegato A e allegato B – Tecnico Grafica e Comunicazione / Tecnico Trasporti e Logistica  
Classe 5PA con allegato A e allegato B – Produzioni Industriali Artigianali (opzione Audiovideo)
Classe 5PB con allegato A e allegato B – Produzioni Industriali Artigianali (opzione Audiovideo)

Classe 5TA con allegato A e allegato B Tecnico grafico e comunicazione
Classe 5TB con allegato A e allegato BTecnico grafico e comunicazione

I documenti del 15 maggio degli Servizi di manutenzione e assistenza tecnica anni precedenti si trovano in ARCHIVIO – Vai all’archivio >>

SITO MIUR DEDICATO ALL’ESAME DI STATO
Accesso all’applicativo Commissione Web
– Esami di Stato SECONDO CICLO: novità, normativa di riferimento, commissioni, esempi di prove ecc.
– ARCHIVI DELLE PROVE SCRITTE: archivio tracce prove scritte dall’a.s. 2004-2005

Normative e guide varie relative agli Esami di Stato dei precedenti anni scolastici

DIARIO D’ESAME 2020-2021
La guida, passo per passo, al lavoro delle Commissioni a cura di Dario Cillo

I COMMISSARI IMPEGNATI NELLE SEZIONI DEL NOSTRO ISTITUTO
Elenco commissari impegnati nei vari corsi del nostro Istituto
– Modello di disponibilità per la sostituzione dei commissari esterni o del presidente

UTLILIZZO DELLE CALCOLATRICI ELETTRONICHE NELLE PROVE SCRITTE
Elenco delle calcolatrici ammesse all’uso nell’esame di Stato aggiornato al 30-10-19
Visualizza l’elenco >

Documentazione 2019-2020

  •  

Materie oggetto della seconda prova scritta e affidate ai commissari esterni 19-20

Elenco delle materie scelte per l’esame di Stato nei vari corsi del nostro Istituto
Nel sito esterno del Ministero è disponibile il motore di ricerca in ambiente web per l’interrogazione delle materie oggetto della seconda prova scritta e di quelle affidate ai commissari esterni

I Commissari impegnati nelle sezioni del nostro Istituto 19-20

– ELENCO COMMISSARI impegnati nei vari corsi del nostro Istituto
– Modello di disponibilità per la sostituzione dei commissari esterni o del presidente

– Elenco Presidenti commissione d’esame Regione Lombardia
– Elenco Presidenti commissione d’esame Provincia di Como

– Nel MOTORE DI RICERCA del MIUR l’elenco di tutti i commissari esterni di tutte le scuole

PER LE SITUAZIONI DI NON EMERGENZA VALGONO LE DISPOSIZIONI SEGUENTI:

ESAME DEI CANDIDATI CON DSA e BES

Art. 21 O.M. – Nello svolgimento delle prove scritte, i candidati con DSA possono utilizzare tempi più lunghi di quelli ordinari per l’effettuazione delle prove scritte e utilizzare gli strumenti compensativi previsti dal piano didattico personalizzato e che siano già stati impiegati per le verifiche in corso d’anno o comunque siano ritenuti funzionali allo svolgimento dell’esame, senza che venga pregiudicata la validità delle prove scritte. I candidati possono usufruire di dispositivi per l’ascolto dei testi della prova registrati in formati “mp3”. Per la piena comprensione del testo delle prove scritte, la commissione può prevedere, in conformità con quanto indicato dal capitolo 4.3.1 delle Linee guida citate, di individuare un proprio componente che legga i testi delle prove scritte. Per i candidati che utilizzano la sintesi vocale, la commissione può provvedere alla trascrizione del testo su supporto informatico. Sarà possibile inoltre prevedere alcune particolari attenzioni finalizzate a rendere sereno per tali candidati lo svolgimento dell’ esame sia al momento delle prove scritte, sia in fase di colloquio. Gli studenti che sostengono con esito positivo l’esame di Stato alle condizioni di cui al presente comma conseguono il diploma conclusivo del secondo ciclo di istruzione. Nel diploma non viene fatta menzione dell’impiego degli strumenti compensativi.

I candidati con certificazione di DSA, che, ai sensi dell’articolo 6, co. 6, del d.m. n. 5669 del 12 luglio 2011 e dell’art. 20, co. 13, del d. 19s. 13 aprile 2017 n. 62, hanno seguito un percorso didattico differenziato, con esonero dall’insegnamento della/e lingua/e straniera/e, e che sono stati valutati dal consiglio di classe con l’attribuzione di voti e di un credito scolastico relativi unicamente allo svolgimento di tale percorso, in sede di esame di Stato sostengono prove differenziate, non equipollenti a quelle ordinarie, coerenti con il percorso svolto, finalizzate solo al rilascio dell’attestato di credito formativo di cui all’art. 20, co. 5, del d.lgs. 62 del 2017. Per detti candidati, il riferimento all’ effettuazione delle prove differenziate è indicato solo nell’attestazione e non nelle tabelle affisse all’albo dell’istituto.

Per i candidati con certificazione di DSA che, ai sensi dell’art. 6, co. 5, del d.m. n. 5669 del 12 luglio 2011, hanno seguito un percorso didattico ordinario, con la sola dispensa dalle prove scritte ordinarie di lingua straniera, la commissione, nel caso in cui la lingua straniera sia oggetto di seconda prova scritta, sottopone i candidati medesimi a prova orale sostitutiva della prova scritta. La commissione, sulla base della documentazione fornita dal consiglio di classe, di cui al precedente articolo 6, stabilisce modalità e contenuti della prova orale, che avrà luogo nel giorno destinato allo svolgimento della seconda prova scritta, al termine della stessa, o in un giorno successivo, purché compatibile con la pubblicazione del punteggio delle prove scritte e delle prove orali sostitutive delle prove scritte nelle forme e nei tempi previsti nei precedenti articoli. Il punteggio, in ventesimi, viene attribuito dall’intera commissione a maggioranza, compreso il presidente, secondo i criteri di conduzione e valutazione previamente stabiliti in apposita o apposite riunioni e con l’osservanza della procedura di cui al precedente art. 18. Gli studenti che sostengono con esito positivo l’esame di Stato alle condizioni cui al presente comma conseguono il diploma conclusivo del secondo ciclo di istruzione. Nel diploma non viene fatta menzione della dispensa dalla prova scritta di lingua straniera.

Il colloquio dei candidati con certificazione di DSA si svolge nel rispetto di quanto previsto dall’art. 20 del d.lgs. n. 62 del 2017. A ciascun candidato la commissione sottopone i materiali di cui all’art. 19, comma 1, secondo periodo, predisposti in coerenza con il piano didattico personalizzato, da cui prende avvio il colloquio.

Per altre situazioni di studenti con bisogni educativi speciali (BES), formalmente individuati dal consiglio di classe, non è prevista alcuna misura dispensativa in sede di esame, mentre è possibile concedere strumenti compensativi, in analogia a quanto previsto per studenti con DSA, solo nel caso in cui siano già stati impiegati per le verifiche in corso d’anno o comunque siano ritenuti funzionali allo svolgimento dell’esame senza che venga pregiudicata la validità delle prove scritte.

Gli studenti che sostengono con esito positivo l’esame di Stato alle condizioni cui al presente comma conseguono il diploma conclusivo del secondo ciclo di istruzione

LE PROVE SCRITTE

IL COLLOQUIO

DECRETO LEGISLATIVO  13 aprile 2017, n. 62  art.17 comma 9.
Il colloquio ha la finalità di accertare il conseguimento del profilo culturale, educativo e professionale della studentessa o dello studente. A tal fine la commissione, tenendo conto anche di quanto previsto dall’articolo 1, comma 30, della legge 13 luglio 2015, n. 107, propone al candidato di analizzare testi, documenti, esperienze, progetti, problemi per verificare l’acquisizione dei contenuti e dei metodi propri delle singole discipline, la capacità di utilizzare le conoscenze acquisite e di collegarle per argomentare in maniera critica e personale anche utilizzando la lingua straniera.
Nell’ambito del colloquio il candidato espone, mediante una breve relazione e/o un elaborato multimediale, l’esperienza di alternanza scuola-lavoro svolta nel percorso di studi. Per i candidati esterni la relazione o l’elaborato hanno ad oggetto l’attività di cui all’articolo 14, comma 3, ultimo periodo.
Il colloquio accerta altresì le conoscenze e competenze maturate dal candidato nell’ambito delle attività relative a «Cittadinanza e Costituzione», fermo quanto previsto all’articolo 1 del decreto-legge 1° settembre 2008, n. 137, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2008, n. 169 e recepiti nel documento del consiglio di classe di cui al comma 1.

Argomenti oggetto dell’orale

Il colloquio partirà dall’analisi da parte dello studente dei materiali preparati dalla Commissione d’esame in un’apposita sessione di lavoro e proposti dal Presidente.

IL CREDITO SCOLASTICO

DECRETO LEGISLATIVO  13 aprile 2017, n. 62  art.15 
In sede di scrutinio finale il consiglio di classe attribuisce il punteggio per il credito scolastico maturato nel secondo biennio e nell’ultimo anno fino ad un massimo di quaranta punti, di cui dodici per il terzo anno, tredici per il quarto anno e quindici per il quinto anno. Partecipano al consiglio tutti i docenti che svolgono attività e insegnamenti per tutte le studentesse e tutti gli studenti o per gruppi degli stessi, compresi gli insegnanti di religione cattolica e per le attività alternative alla religione cattolica, limitatamente agli studenti che si avvalgono di questi insegnamenti.
Con la tabella di cui all’allegato A del presente decreto è stabilita la corrispondenza tra la media dei voti conseguiti dalle studentesse e dagli studenti negli scrutini finali per ciascun anno di corso e la fascia di attribuzione del credito scolastico. Il credito scolastico, nei casi di abbreviazione del corso di studi per merito ai sensi dell’articolo 13, comma 4, è attribuito, per l’anno non frequentato, nella misura massima prevista per lo stesso.
La tabella di cui all’allegato A si applica anche ai candidati esterni ammessi all’esame a seguito di esame preliminare e a coloro che hanno sostenuto esami di idoneità. Per i candidati che svolgono l’esame di Stato nell’anno scolastico 2019/2020 la stessa tabella reca la conversione del credito scolastico conseguito nel terzo  anno di corso.
Per i candidati esterni il credito scolastico è attribuito dal consiglio di classe davanti al quale sostengono l’esame preliminare di cui al comma 2 dell’articolo 14, sulla base della documentazione del curriculum scolastico e dei risultati delle prove preliminari.

Tabella A (D.L.62/17)

MediaClasse terzaClasse quartaClasse quinta
< 6    –    –punti 7 – 8
= 6punti 7 –  8punti 8 – 9punti 9 – 10
< 6 ≤ 7punti 8 – 9punti 9 – 10punti 10 – 11
< 7 ≤ 8punti 9 – 10punti 10 – 11punti 11-  12
< 8 ≤ 9punti 10 – 11punti 11 – 12punti 13 – 14
< 9 ≤ 10punti 11 – 12punti 12 – 13punti 14 – 15

LA VALUTAZIONE

La valutazione finale è data dalla somma dei punteggi che ciascun candidato ha riportato nel credito scolastico, nelle due prove scritte e nel colloquio.
Il punteggio è in centesimi. La soglia di sufficienza è di 60 punti.
Il punteggio è così articolato:
un massimo di 40 punti per il credito scolastico maturato negli ultimi tre anni
un massimo di 40 punti per le due prove scritte (tre nel caso di Esabac o Licei internazionali)
un massimo di 20 punti per la prova orale
La commissione dispone fino a 5 punti di “bonus” per premiare esami particolarmente brillanti purchè il candidato abbia ottenuto un credito scolastico di almeno 30 punti e un risultato complessivo nelle prove di esame di almeno 50 punti..
E’ consentita l’attribuzione della lode ai candidati che all’esame finale avranno conseguito il punteggio massimo di 100 punti senza fruire del bonus integrativo dei 5 punti.
Gli studenti che hanno raggiunto risultati di eccellenza (100 e lode) saranno inseriti nell’Albo nazionale, che sarà pubblicato sul sito del Ministero per essere utilizzato dalle università, dalle istituzioni di Alta cultura, dalle comunità scientifiche ed accademiche e dalle imprese interessate. Nell’Albo saranno inclusi anche gli studenti vincitori di competizioni scolastiche di livello particolarmente elevato quali le Olimpiadi nelle varie discipline scolastiche, concorsi in lingua latina (certamina) e competizioni nazionali.
Agli studenti che conseguono 100 e lode agli esami di Stato verranno inoltre assegnati buoni da utilizzare per l’acquisto di libri e altri sussidi scolastici, testi universitari e riviste scientifiche.

ESEMPI DI MOTIVAZIONE DELLA LODE
La motivazione della lode può essere motivata come negli esempi di seguito riportati:
1. per la capacità di elaborare un argomento a scelta ben strutturato, originale, adeguatamente approfondito ed esposto con ottima proprietà espressiva e rigore argomentativo;
2. per avere dimostrato un’ottima capacità di cogliere i nessi trasversali alle discipline, nonché una capacità argomentativa rigorosa ed approfondita;
3. per aver dimostrato di possedere riferimenti culturali extra-scolastici che denotano un atteggiamento di vivace ed attenta curiosità, desiderio di approfondimento e capacità critica.